Il Management al servizio della Pastorale

Parrocchie, diocesi, enti e tutte le organizzazioni profit e non profit che si muovono all’interno del panorama ecclesiale, devono oggi affrontare un contesto economico e socio-culturale profondamente diverso dal passato e in continuo cambiamento, all’interno del quale risulta sempre più difficile muoversi attraverso azioni e progetti pastorali adeguati e sufficientemente efficaci. Per fronteggiare in modo non solo efficace ma con sapienza pastorale questa realtà complessa e mutevole, nasce la disciplina del Management Pastorale, che intende analizzare e indicare come gestire tutti quei processi e aspetti organizzativi riguardanti le persone e le risorse materiali e finanziarie in chiave missionaria, coniugando competenza, professionalità, il Vangelo e il Magistero ecclesiale.

Analizzare e indicare come gestire tutti quei processi e aspetti organizzativi riguardanti le persone e le risorse materiali e finanziarie in chiave missionaria, coniugando competenza, professionalità, il Vangelo e il Magistero ecclesiale.

Fare bene il Bene

Nella storia della cristianità da sempre la fede è stata accompagnata dall’azione concreta delle opere. Questo non in chiave di proselitismo, ma in quanto è proprio della dinamica dell’annuncio incarnare le parole in azioni di bene. “La misericordia si contempla nell’azione” ha avuto modo di dire Papa Francesco, “ponendo rimedio a ciò che manca e, meglio ancora, prevedendolo”. Fare il bene e farlo bene è stato per molti santi e grandi persone della Chiesa e non solo, la realizzazione piena della loro persona e della loro missione nel mondo. Un bene bene fatto bene, in quanto il fine diviene un tutt’uno con i mezzi, l’azione una benedizione.

Scarica la brochure

Che cos'è il Management Pastorale

È l’uso di competenze e strategie, sviluppate nel mondo delle imprese e dell’economia civile a più livelli, declinate con i valori, la cultura, stile, i linguaggi e l’attenzione propri di chi mette sempre al centro la dignità della persona e il bene comune. Nuovi approcci, metodologie e tecniche gestionali, organizzative e non solo, per prevenire e risolvere vincoli e ostacoli legati a situazioni economiche profondamente mutevoli ma anche per saper innovare e creare nuove opportunità pastorali.

L’uso di competenze e strategie, sviluppate nel mondo delle imprese e dell’economia civile a più livelli declinati con i valori ecclesiali