I nuovi operatori del Bene fatto bene convocati a Roma per gli esami finali

esami

Le Edizioni del Nord Italia, Francia, Svizzera e quella di Roma III della Scuola Internazionale di Management pastorale si avviano ormai verso la conclusione di un percorso formativo durato circa un anno. Gli studenti di entrambi i Corsi sono stati convocati tutti Roma, per sostenere l’esame finale presso la Pontificia Università Lateranense: lunedì 6 novembre toccherà ai corsisti della Scuola di Torino, mentre il giorno successivo, martedì 7 novembre, a quelli dell’Edizione capitolina.


Saranno due giorni molti intensi, duranti i quali ogni studente, davanti ad un’apposita commissione d’esame, dovrà presentare un #projectwork elaborato durante il corso di #managementpastorale, in virtù di un approccio multidisciplinare per l’integrazione delle diverse aree di studio e grazie al supporto didattico degli insegnanti e dei tutor. Diciotto saranno i project work in discussione per gli studenti di Torino, diciassette per quelli di Roma: si tratta di progetti costruiti per avere una coerenza pastorale e teologica, una fattibilità economica ed essere una concreta opportunità per il #benefattobene, cioè al fine di valorizzare le risorse delle comunità e delle strutture di provenienza (laiche e religiose) dei frequentanti.
Gli esami di novembre, dunque, non rappresentano un punto di arrivo, semmai un nuovo punto di partenza, anche perché le due esperienze formative proseguiranno con la seconda edizione di Torino (presumibilmente a partire da gennaio 2018) e quella di Roma, il cui inizio è già fissato per il prossimo 20 novembre 2017.
Nuovi appuntamenti che si preannunciano ricchi di novità: infatti l’offerta formativa sarà potenziata grazie al contributo di prestigiose partnership e la didattica sarà irrobustita e personalizzata attraverso un’innovativa piattaforma di E-Learning, realizzata secondo le metodologie di formazione a distanza più innovative a livello internazionale.

 

Blog Attachment